Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Biomimesi: perché studiare la natura serve sempre

Silvia Giordano ha condiviso con Dire, fare, insegnare la proposta di un percorso didattico interdisciplinare sulla biomimesi per classi prime della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Secondaria  Grandi insegnanti 
27 maggio di: Silvia Giordano
copertina

Una delle sfide dei docenti che insegnano le scienze matematiche, fisiche e naturali è riuscire a far capire ai ragazzi quanto queste materie possano essere interessanti e utili, anche quando trattano di ricerche e argomenti che sembrano distanti dalla vita di tutti i giorni.

Silvia Giordano, professoressa di matematica e scienze appassionata di didattica digitale e di metodi alternativi di insegnamento, ha pensato allora di elaborare un percorso dedicato alla biomimesi, il ramo della biologia che studia e imita le caratteristiche degli esseri viventi per migliorare le attività e le tecnologie umane.

Nell’unità didattica elaborata da Silvia Giordano, che è possibile adattare a studenti della secondaria di primo o secondo grado e che è declinabile in base all’indirizzo di studi della classe, alcune invenzioni e scoperte che fanno parte della nostra esperienza quotidiana si rivelano collegate a studi curiosi e affascinanti nel campo delle scienze naturali, su cui è possibile lavorare con approfondimenti interdisciplinari grazie ai materiali e alle risorse digitali suggerite.

Le attività proposte alternano il lavoro di gruppo a quello individuale di rielaborazione dei contenuti, e coinvolgono gli studenti, attraverso immagini e indizi, nella ricostruzione di come un’intuizione venuta dall’osservazione della natura abbia condotto scienziati e studiosi a trovare soluzioni e a costruire oggetti (complessi o apparentemente semplici) che hanno cambiato e continuano a cambiare le nostre abitudini e il nostro modo di rapportarci con l’ambiente.