Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Il test della razza. Laboratorio didattico con Guido Barbujani

In questo laboratorio, proposto dal genetista e divulgatore Guido Barbujani, gli studenti sono invitati a riflettere sul concetto di razza attraverso un’attività di comparazione che mette alla prova le nostre convinzioni sulle diversità tra popolazioni umane.

Metodologie  Secondaria 
01 settembre di: Guido Barbujani
copertina

Nelle scienze, e quindi anche nella biologia e nell’antropologia, riprodurre con alcuni esperimenti il percorso che ha portato a scoperte importanti è spesso più utile che proporre agli studenti solo i risultati finali. Da un’idea di Guido Barbujani, genetista dell’Università di Ferrara e autore del libro Europei senza se e senza ma (Bompiani), elaborata insieme all’antropologo della New York University Todd R. Disotell, nasce così un laboratorio didattico che ripercorre i tentativi che gli scienziati hanno fatto nel tempo di catalogare le razze umane.

L’attività è rivolta alle classi della scuola secondaria ed è in forma di sfida tra squadre. Il "Test della razza" vuole mettere alla prova la nostra convinzione di poter individuare l’origine di una persona in base al suo aspetto, basandoci su tratti riconoscibili e che pensiamo riconducibili a precise popolazioni dei diversi continenti e Paesi:

  • ai ragazzi viene chiesto di riunire gli individui delle foto fornite per l’attività in gruppi che si ritengono biologicamente simili, specificando il criterio che ha portato alle loro decisioni;
  • nella seconda fase del laboratorio, questi risultati sono messi a confronto con le reali origini geografiche o etniche di quegli individui

L’interesse dell’esperimento sta sia nella discussione delle scelte delle squadre, che saranno diverse tra loro, e quindi nel riconoscimento della componente soggettiva della nostra percezione delle parentele biologiche, sia attraverso una semplice verifica dei risultati ottenuti da naturalisti e antropologi, che per quasi tre secoli hanno proposto svariati cataloghi delle razze umane.

Negli anni Sessanta del secolo scorso, l’antropologo Frank Livingstone concluse infine che la biodiversità umana non è basata su gruppi semplici e ben distinti che possono essere indicati con il termine di “razze”, ma su differenze più complesse e graduali che costituiscono l’oggetto di studio della moderna antropologia biologica.

Potete trovare a questo link il materiale per l’attività da svolgere in classe, con un modello di scheda su cui scrivere i risultati dell’esperimento: Il test della razza.

Per approfondire con Guido Barbujani i temi dell’evoluzione delle specie umane e dell’opportunità di usare il concetto di razza, non perdetevi l’intervista e la mini lezione che verranno pubblicate nelle prossime settimane nella rubrica “Armi di istruzione di massa”.