Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

L’utilizzo degli elementi visivi nell'apprendimento

Gli elementi visivi sono utilizzati sia nei libri di testo, sia nelle classi e, in generale, come sostegno all’apprendimento. Ma come devono essere organizzati per essere utili?

Metodologie 
04 novembre 2019 di: Giulia Guardavilla
copertina

Gli elementi visivi hanno assunto un’importanza sempre maggiore come strumento di comunicazione e sono importanti anche nella didattica. I libri di testo sono ricchi di immagini e mappe concettuali e nelle aule sono spesso presenti diversi elementi visivi da progetti realizzati dagli alunni a cartelloni su cui sono rappresentati gli argomenti di studio che sono stati appena affrontati e devono essere consolidati.

Gli elementi visivi possono rappresentare un buon sostegno per l’apprendimento, ma, se non sono organizzati in modo adeguato, possono causare un aumento del carico cognitivo e, di conseguenza, ostacolare i processi di apprendimento.

È importante seguire alcune indicazioni sia nell'organizzazione dell’aula che nella scelta di libri di testo e strumenti didattici nei quali gli elementi visivi rappresentino una reale risorsa e facilitazione per l’apprendimento.

Lo spazio dell’aula è spesso ricco di elementi visivi che sono utilizzati sia come facilitatori, soprattutto nella scuola primaria, sia come decorazioni per abbellire e rendere più piacevole la classe; per evitare che le pareti siano troppo affollate e si trasformino in una fonte di distrazione, è importante seguire alcune indicazioni.

La parete principale, nella concezione tradizionale dell’aula quella che si trova di fronte agli studenti, dovrebbe essere occupata solamente dagli strumenti indispensabili per l’attività didattica, come la lavagna o la LIM, in modo che l’attenzione degli alunni sia rivolta verso gli elementi più rilevanti e non venga attirata da altri elementi che possano rappresentare una fonte di distrazione.

Gli elementi visivi costituiti da schemi e cartelloni che riprendono gli argomenti di studio recenti, il tabellone delle regole e altri elementi relativi all'apprendimento o alla gestione della classe, dovrebbero essere posizionati sulle pareti laterali in modo da essere visibili quando necessario, ma non costituire una fonte di distrazione.

Tutti gli elementi che non sono strettamente legati all’apprendimento e agli argomenti di studio, come i disegni dei bambini, soprattutto alla scuola primaria, o altri elementi decorativi dovrebbero essere posizionati sulla parete meno in vista, solitamente quelle posta alle spalle dei banchi. L’esposizione di lavori svolti dagli studenti rappresenta un aspetto molto importante per la motivazione degli studenti, ma l’aula non deve diventare uno spazio eccessivamente decorato; un modo per risolvere questo problema può essere di esporre i lavori degli studenti anche sulla parete esterna della classe.

Gli elementi visivi rappresentano anche una parte molto importante dei libri di testo e di altri materiali didattici, ma anche in questo caso è importante che siano organizzati in modo da non aumentare il carico cognitivo.

Le immagini presenti sui libri di testo, e sui materiali didattici in generale, devono essere strettamente legate alle parti di contenuto più rilevanti e, per essere più efficaci, si devono trovare vicino al contenuto al quale si riferiscono; è importante che gli elementi visivi non costituiscano solo un modo per riempire e decorare la pagina perché in questo caso aumenterebbero solo il carico cognitivo senza rappresentare una facilitazione per l’apprendimento.

Le immagini non dovrebbero duplicare i contenuti, ma rappresentare un arricchimento del contenuto testuale in modo da creare un aggancio utile anche per la memorizzazione. In generale accompagnare le parole con le immagini rende più efficace l’apprendimento non solo per gli studenti con particolari bisogni educativi, ma per tutti gli studenti. L’utilizzo di immagini è particolarmente efficace se la parte verbale è presentata oralmente; in questo modo di utilizzano due canali diversi.

La scelta del libro di testo dovrebbe tenere conto anche dell’organizzazione degli elementi visivi all'interno del volume perché capita che questi siano utilizzati principalmente con lo scopo di riempire e rendere più colorata la pagina, ma senza una riflessione attenta sul loro ruolo di facilitatori dell’apprendimento.

Per approfondire il tema dell’utilizzo degli elementi visivi visualizzare il seguente link.