Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Armi di istruzione di massa. Cercare la meraviglia con Amedeo Balbi

Amedeo Balbi, divulgatore scientifico, autore di numerosi volumi e professore associato di Astrofisica, ci ha raccontato del suo lavoro come divulgatore e del suo ultimo libro “Cercatori di meraviglia”.

Armi di istruzione di massa 
06 settembre di: Amedeo Balbi

Raccontare le storie che stanno dietro alle grandi scoperte scientifiche e tecnologiche è considerato da molti esperti un modo semplice ed efficace per avvicinare ragazzi e ragazze alla conoscenza, specialmente nell’ambito delle materie STEM.

Per questo un libro che racconta di scienziati e scienziate che scavano, pensano, scoprono e sperimentano può essere un ottimo punto di partenza per fare appassionare i propri studenti, motivarli e anche per costruire un nuovo tipo di dialogo educativo.

Abbiamo chiesto ad Amedeo Balbi, astrofisico, autore e divulgatore scientifico, di raccontarci com’è nata l’idea di questo volume e di darci qualche spunto su come coinvolgere maggiormente gli studenti. Abbiamo parlato di figure che ispirano i più giovani e di come renderli parti attive nell’apprendimento, abbiamo discusso dell’importanza delle loro domande e curiosità, ma anche del grande apporto e valore didattico che possono esprimere attraverso dubbi e perplessità; infine abbiamo parlato del cinema e della fantascienza e del loro potenziale come strumenti didattici.

Per approfondire questi temi e soprattutto entrare nel merito degli argomenti didattici, sarà pubblicata a breve su Dire, fare, insegnare una mini lezione di Fisica, dedicata alla scoperta della velocità della luce.

Scopri tutte le interviste della rubrica “Armi di istruzione di massa” e le mini lezioni su argomenti didattici a questi link:

E non perderti l’intervista e la mini lezione di Guido Barbujani, online dalla prossima settimana su Dire, fare, insegnare.