Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
  • Home
  • Grandi insegnanti
  • Le risorse europee, forzieri per una educazione civica coinvolgente. Il progetto BLOOM e la Bioeconomy

Le risorse europee, forzieri per una educazione civica coinvolgente. Il progetto BLOOM e la Bioeconomy

Costantina Cossu docente di biologia specializzata in valutazione e leadership ci ha raccontato il progetto BLOOM e le opportunità educative che offre.

Esperienze di insegnamento  Grandi insegnanti 
14 giugno di: Costantina Cossu
copertina

Cosa hanno in comune il progetto BLOOM Bioeconomy e NBS Solution? Sono repository di idee, materiali, esperienze e laboratori dove gli alunni sono al centro di un nuovo modo di fare Educazione civica. Un modo stimolante, interessante e accattivante nelle varie lingue della Comunità Europea e non solo.

L’Educazione civica, in effetti, l’abbiamo sempre insegnata in modo non strutturato e adesso è stata istituita come insegnamento trasversale alle discipline. Una forzatura in un momento difficile della scuola che si barcamena fra DAD, DID e difficoltà varie e deve occuparsi di argomenti fondanti come Costituzione, Sviluppo Sostenibile e Cittadinanza Digitale (1).

Lo sviluppo sostenibile ad ampio spettro è come una rete che unisce salvaguardia dell’ambiente, rispetto e valorizzazione delle risorse naturali, costruzione di ambienti ecocompatibili e rispettosi dei diritti fondamentali di tutti - salute, benessere psicofisico, sicurezza, lavoro, istruzione di qualità. In breve è come se avessimo un mazzo di carte dove sono rappresentati i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 (2). In questo articolo tratteremo come le risorse del progetto europeo BLOOM ci aiutino nello sviluppo dei concetti di bioeconomia, economia circolare e relazioni fra ambiente e salute.

Quando parliamo di bioeconomia parliamo anche di agricoltura, dall'industria agroalimentare alla pesca, alla selvicoltura, alle bioraffinerie, alla chimica, alla (bio)energia, all’innovazione tecnologica, utile alla circolarità della stessa. Nonostante le sue molteplici applicazioni, la bioeconomia non è ancora percepita nella coscienza pubblica come una soluzione stimolante alle sfide della società.

L’ecosostenibilità è un tema fortemente sentito in ambito didattico, gli alunni in modo più o meno consapevole si fanno trasportare dalle tematiche ambientali: a loro piace parlare di Greta Thunberg e del movimento Fridays for Future. Abbiamo avuto tante «Greta» nel passato, che si riferivano alle stesse tematiche, ma oggi i social e la copertura mediatica hanno fatto la differenza. La Generazione Z dà lezione agli adulti ed è capace di incidere sulle scelte globali in campo di sostenibilità ambientale. Sta a noi, come scuola, il difficile e appassionato compito di traghettare gli alunni verso la costruzione di questo nuovo mondo, l’unico possibile, più equo, giusto, rispettoso, condiviso e compatibile come inserito nell’agenda 2030.

BLOOM Bieconomy

BLOOM (Boosting European Citizens' Knowledge and Awareness of Bio-Economy Research and Innovation) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea e ha l'obiettivo di diffondere la bioeconomia, il rispetto dell'ambiente con una impostazione di base che è l’economia circolare in modo coinvolgente, interdisciplinare e innovativo. Una snella home page guida nella ricerca, fra quiz sulla bioeconomia per testare i prerequisiti, newsletter, social. Nella sezione School Network si possono trovare materiali innovativi per la didattica fra i quali gli School Box, un archivio di risorse didattiche sulla bioeconomia che gli insegnanti possono utilizzare per stimolare e incrementare l'interesse degli studenti per le STEM, l'Educazione civica e le sfide per un futuro ecosostenibile. Le basi della BLOOM School Box sono cinque scenari di apprendimento innovativi, creati e testati dai 20 insegnanti esperti di BLOOM. Gli obiettivi che si pone il progetto sono svariati e vanno dalla sensibilizzazione, alla creazione di “Bioeconomy community”, al favorire i green jobs, allo sviluppo delle soft skills e tanti altri.

Hubs e Campi di interesse

Fanno parte del progetto Austria, Belgio, Finlandia, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Svezia con i loro Hubs formati da centri di ricerca, università pubbliche e private, aziende e scuole e con campi di ricerca e innovazione differenti.

Gli Hubs promuovono la cittadinanza nell’ambito della bioeconomia, creando spazi e scambi di informazioni e dibattiti. Coinvolgono i giovani europei, le scuole di ogni ordine e grado, comprese le università, le associazioni scientifiche, le organizzazioni non-governative, i media con workshop di co-creazione e attività di divulgazione:

  • Centro spagnolo (Cordova) - Cibo e agricoltura: promuove la collaborazione in rete tra tutti gli attori coinvolti nel settore agroalimentare nell'area mediterranea, incoraggiando l'innovazione e sensibilizzando alla bioeconomia.
  • Centro polacco (Cracovia e Varsavia) - Cibo e agricoltura: sensibilizza alla bioeconomia mostrando nuovi materiali per l'imballaggio alimentare, l'utilizzo dei rifiuti nella produzione agricola, l'utilizzo dei residui delle biomasse in agricoltura e nella produzione di cibo biologico. Lavora per aumentare l'interesse per la bioeconomia e l'istruzione e gli studi correlati.
  • Centro olandese (Wageningen) - Prodotti biochimici e bioplastiche: segue e promuove la nuova collaborazione intersettoriale tra industrie chimiche e l'agroindustria. Accoglie e promuove il dialogo tra gli stakeholder della bioeconomia della regione.
  • Centro svedese & finlandese (Stoccolma & Jyväskylä) - Foresta e bosco: sensibilizza il pubblico alle possibilità dei prodotti forestali, mostra materiali e prodotti nuovi e innovativi e aumenta l'interesse per l'istruzione e gli studi collegati alla bioeconomia.
  • Centro olandese (Wageningen) - Prodotti biochimici e bioplastiche: segue e promuove la nuova collaborazione intersettoriale tra industrie chimiche e l'agroindustria. Accoglie e promuove il dialogo tra gli stakeholder della bioeconomia della regione.
  • Centro svedese & finlandese (Stoccolma & Jyväskylä)- Foresta e bosco: sensibilizza il pubblico alle possibilità dei prodotti forestali, mostra materiali e prodotti nuovi e innovativi e aumenta l'interesse per l'istruzione e gli studi collegati alla bioeconomia.

Gli School Box: Risorse per l’insegnamento STEM in Educazione civica

L'archivio BLOOM School Box è uno strumento consultabile, ricco di informazioni sulla bioeconomia, di contenuti didattici, open source, con tutti i materiali generati dal progetto: materiali didattici, video, esperimenti virtuali, post e molto altro. L'archivio BLOOM School Boxè stato ideato da venti insegnanti europei di area STEM, due per paese, provenienti da Grecia, Austria, Spagna, Svezia, Polonia, Italia, Belgio, Portogallo, Israele e Croazia, selezionati per produrre e testare risorse didattiche sulla bioeconomia nelle loro scuole. Oltre a produrre materiale, hanno disseminato il progetto BLOOM a più livelli, partecipando a eventi con relazioni, webinar, scrivendo articoli e utilizzando i social. Hanno contribuito allo sviluppo di corsi aperti online su larga scala (MOOC) e webinar dedicati alla bioeconomia e alle sue applicazioni nell'insegnamento in più ordini di scuola.

Nell’archivio, sono presenti dieci School box che associano la bioeconomia alle discipline STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica), alla bioeconomia e all’economia circolare.

Le tematiche proposte sono:

  • BLOOM nella tua scuola - laboratorio di biocarburanti e saponi.
  • Esame delle proprietà termiche dei materiali da costruzione ecocompatibili.
  • Costruzione di un nuovo futuro ambientale.
  • La plastica e modalità di riciclo.
  • Come la cacca cambierà il mondo.
  • Non sprecare i tuoi rifiuti!
  • Lievito, biocarburanti e nuove tecniche biotecnologiche.
  • La Bioenergia sulle nostre vite!
  • I vantaggi del compostaggio - Come possiamo produrre fertilizzante organico nel nostro orto scolastico.
  • Produzione di biocarburanti da scarti di frutta.
  • Ritorno al futuro.

Tutti gli School box sono organizzati in una parte generale dove è possibile leggere il titolo, le aree di interesse, l’età degli alunni a cui è rivolto e un sommario dettagliato con link a documenti originali, video, attività come quiz, giochi, laboratori che spaziano dalla chimica, alla biologia, alla stampa 3d, alla robotica, al coding, alla gamification ecc.





Il progetto BLOOM è un'azione di coordinamento e supporto finanziata dal programma Horizon 2020 dell'Unione europea in programma dal 2017 al 2020. Con le sue risorse è un progetto lungimirante che coinvolge tutti i settori pubblici e privati. Le lingue utilizzate negli School box sono quelle dei paesi partecipanti: polacco, spagnolo, svedese, olandese, finlandese e tedesco ma è possibile chiederne la traduzione in lingua italiana dietro richiesta di 3 docenti.

Per farlo è sufficiente selezionare lo School box desiderato, cliccare su “Ottieni questa risorsa”, selezionare la lingua desiderata, apparirà la scritta “La richiesta di traduzione è stata ricevuta”.

È possibile iscriversi alla Newsletter per essere costantemente aggiornati, condividere le esperienze e relazionarsi con la comunità Bioeconomy mondiale, scrivendo nel Blog. Far parte di questa comunità BLOOM Bioeconomy dà strumenti e competenze indispensabili per la realizzazione di un sogno “Un futuro sostenibile per l’intero pianeta”.

Rimane un’ostacolo che solo uniti potremo rimuovere, le resistenze che ancora permangono nel mondo di molti adulti, politici compresi, dei paesi ricchi che hanno fatto del mancato rispetto dell’ambiente una fonte di ricchezza.

Note

(1) Una play list online di materiale e risorse per l’insegnamento dell’Educazione Civica all’avanguardia è curato da Costantina Cossu è fruibile all’url: https://youtube.com/playlist?list=PLG5M6CVsPN2Itvj4yNvgSAxOeCzSbINoF

(2) Un modo interattivo per presentare i 17 obiettivi dell’Agenda 2030, i Sustainable Development Goals in modo ludico ludica del tipo “Ruota della Fortuna” di Wordwall, creata dal Costantina Cossu, consultabile al seguente url: https://wordwall.net/it/resource/6910933/obiettivi-di-sviluppo-sostenibile (figura n1).

Riferimenti bibliografici