Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
  • Home
  • News ed eventi
  • Didattica della grammatica valenziale. Il convegno online del 22 febbraio presenta la ricerca sul campo

Didattica della grammatica valenziale. Il convegno online del 22 febbraio presenta la ricerca sul campo

Il 22 febbraio 2021 sarà in diretta streaming il convegno “Didattica della grammatica valenziale: dal modello teorico al laboratorio di grammatica in classe. Una ricerca sul campo”.

News ed eventi 
19 febbraio di: Redazione
copertina

Si terrà online il 22 febbraio 2021 dalle 15:00 alle 18:00, in diretta streaming sul canale Facebook di INDIRE, il convegno di presentazione di “Didattica della grammatica valenziale: dal modello teorico al laboratorio di grammatica in classe. Una ricerca sul campo”.

Tra gli ospiti numerosi docenti, ricercatori, formatori e accademici, come Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, e Maria Giuseppa Lo Duca, docente di Lingua italiana all’Università di Padova e altri esperti dell’approccio valenziale e della didattica dell’italiano.

La teoria della grammatica valenziale, elaborata da Tesnière nel 1959, propone un modello di funzionamento della lingua basato sul verbo e sulla sua semantica. In questo approccio si abbandonano gli elenchi infiniti di complementi e il verbo, nucleo della frase, viene paragonato al nucleo di un atomo intorno al quale ruotano gli elettroni, ossia gli altri elementi linguistici.

Come gli elettroni “saturano” l’atomo così i complementi e gli elementi semantici completano il verbo per creare una frase di senso compiuto. Ogni verbo, infatti, richiede alcuni elementi minimi (tipicamente un soggetto e un complemento oggetto) per realizzare una frase sensata.

La ricerca fa parte delle azioni del progetto Didattica laboratoriale multidisciplinare, realizzato nell’ambito PON-FSE 2014-2020 “Per la Scuola - Competenze e ambienti per l’apprendimento” e finanziato dal Fondo sociale europeo, e propone ai docenti un kit di strumenti per portare concretamente in classe questo approccio. È stata curata dalla ricercatrice INDIRE Loredana Camizzi, che ha coinvolto 41 classi di diversi ordini e gradi - dalla scuola primaria al biennio della secondaria di secondo grado - dal 2016 al 2018 per osservare l’applicazione di un modello di studio della lingua scientifico e non normativo, volto a stimolare la riflessione linguistica e la motivazione dei ragazzi, coinvolti in prima persona come soggetti attivi. I risultati della ricerca sono confluiti in un volume edito da Carocci.

Per ulteriori informazioni sull'incontro e i relatori si invita a consultare il programma in allegato.