Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

#IOLEGGOPERCHÉ: al via la settimana di donazioni per le biblioteche scolastiche

Nella conferenza stampa che ha presentato ufficialmente la sesta edizione di #ioleggoperché, gli organizzatori e i partner dell’iniziativa hanno spiegato perché è fondamentale ripartire dai libri e come fare per contribuire al patrimonio delle biblioteche scolastiche.

Editoria  News ed eventi 
11 novembre 2021 di: Redazione
copertina

L’iniziativa #ioleggoperché, realizzata da AIE con il sostegno del Ministero della cultura e del Cepell (Centro per il libro e la lettura) e in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, ormai da sei anni permette alle biblioteche scolastiche di ricevere migliaia di libri nuovi donati da cittadini e editori. L’edizione 2021 è stata presentata nella conferenza stampa di mercoledì 10 novembre nella scuola ICS Ciresola di Milano, trasmessa anche in diretta Facebook per permettere a tutte le scuole italiane che hanno aderito al progetto di partecipare.

I numeri della manifestazione, ricordati da Renata Gorgani (vicepresidente AIE e membro del Consiglio di amministrazione Cepell) e Filippo Solibello (Rai Radio 2), sono importanti e in continua crescita: ad oggi l’iniziativa ha raggiunto una scuola italiana su tre, coinvolgendo più di 3 milioni e 400 mila studenti da Nord a Sud e istituti di ogni ordine e grado, ed è guardata come un modello dagli altri Paesi europei, come ricorda il presidente AIE Ricardo Franco Levi.

L’obiettivo è raggiungere sempre più bambini e ragazzi, soprattutto quelli che a casa si trovano in una situazione di “povertà educativa” e non hanno accesso ai libri: le biblioteche di classe e delle scuole diventano allora luoghi fondamentali per promuovere la lettura e la crescita di lettori e cittadini consapevoli.

#ioleggoperché, dice Gorgani, vuole “lastricare di libri la strada dei bambini verso il futuro”, e vuole farlo in modo concreto. Dal 20 al 28 novembre infatti chiunque potrà recarsi in una delle librerie aderenti all’iniziativa, acquistare un libro e donarlo a una scuola: dall’anno scorso è inoltre possibile donare a distanza. In primavera sarà poi il turno degli editori, che regaleranno 100.000 libri alle biblioteche scolastiche.



Durante la conferenza stampa gli interventi degli ospiti hanno permesso di vedere il lavoro di collaborazione sinergica che ha unito i vari enti nell’appoggiare questa manifestazione, e di scoprire le iniziative collaterali dei media partner e delle istituzioni: in particolare la campagna Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole, ricordata dal presidente del Cepell Marino Sinibaldi.

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha ribadito la necessità di riscoprire le biblioteche scolastiche e ripristinarle al più presto nei casi in cui per far fronte all’emergenza sanitaria siano state temporaneamente convertite in aule. Il claim dell’edizione 2021 è infatti “Ripartire dai libri”, e in questo #ioleggoperché si allinea alla volontà di promozione dei libri e della lettura che in questi anni ha portato le istituzioni a stanziare fondi importanti per le biblioteche e le scuole, come hanno ricordato il Ministro della cultura Dario Franceschini e il Sottosegretario all’Informazione e all’Editoria Giuseppe Moles.