Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Segnali dal Novacene: una call for paper sulla sostenibilità

Durante il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2021 organizzato da ASviS verranno presentati i contributi della call for paper "Segnali dal Novacene", per riflettere insieme sui cambiamenti da mettere in atto per ristabilire un rapporto di equilibrio sostenibile tra comunità e ambiente.

News ed eventi 
08 ottobre di: Redazione
copertina

In occasione del talk online Segnali dal Novacene che si è svolto lo scorso autunno durante il Festival dello Sviluppo Sostenibile, l’evento organizzato ogni anno da ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile) per parlare degli obiettivi dell’Agenda 2030 e indagare il rapporto fra comunità, ambiente e sviluppo sostenibile, è stata lanciata una call for paper che invitava professionisti, studiosi e studenti a presentare il loro contributi sui temi e le parole chiave affrontate in quell’incontro.

Lunedì 11 ottobre all’interno del programma dell’edizione 2021 del Festival i contributi raccolti saranno protagonisti dell’evento Segnali da Novacene. Call for paper, promosso e organizzato dalla Fondazione Giorgio Cocchi insieme a Fondazione Euducation, ente che mira allo sviluppo della conoscenza e della consapevolezza civica a livello locale, europeo e globale. Il convegno è aperto a tutti e sarà trasmesso in diretta streaming dalle 17.30 sul canale Eu Play e sulla pagina Facebook di Fondazione Euducation.



Tra i contributi saggistici, grafici e progettuali pervenuti, verranno presentati i dieci che la giuria ha selezionato come più interessanti. Tutti i lavori verranno poi pubblicati in un libro-catalogo dedicato, in cui i vari autori illustreranno il proprio lavoro sotto forma di breve video-racconto: il volume sarà messo quindi a disposizione come documento digitale sul sito www.fondazioneeuducation.it.

La call for paper nasce dall’esigenza di riflettere sui mutamenti dello scenario globale e sulle esperienze che stiamo vivendo in questo periodo, dalla crisi climatica alla pandemia, e di interrogarci sulle nostre responsabilità, in un’era che è stata definita Antropocene proprio perché i cambiamenti provocati dall’azione umana si succedono in tempi rapidi e con conseguenze forse irreversibili.

In questo scenario c’è chi ipotizza però il delinearsi dell’evoluzione verso un Novacene, un nuovo periodo in cui l’uomo e le macchine collaboreranno insieme nel tentativo di ristabilire un equilibrio: è indispensabile allora proporre nuovi paradigmi e educarci ad agire in modo più consapevole e sostenibile per il futuro.

Segui l’evento sul canale della Fondazione Euducation a questo link: https://fondazioneeuducation.it/euducation-live/