Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Kitty alla ricerca di Anna nel film “Where is Anne Frank”

Ari Folman

Il regista Ari Folman porta in vita Kitty, l’amica immaginaria a cui si rivolge Anna Frank nel suo diario, e la mette sulle tracce della ragazza ebrea vittima della Shoah.

27 gennaio di: Redazione
Recensione

Per Anna Frank, il diario che scrisse negli anni in cui rimase nascosta nell’appartamento segreto era più che un insieme di pagine: era un'amica speciale, Kitty, a cui confidare i suoi pensieri, le sue paure ma anche le sue fantasie e i suoi sogni.

Nel film Where is Anne Frank (Dov’è Anna Frank), presentato al Festival di Cannes 2021, Kitty diventa una ragazza che si ritrova nel nostro presente, e che cerca di capire che fine ha fatto Anna. Il regista israeliano Ari Folman, i cui genitori hanno subito la prigionia a causa dei nazisti, decide di ricostruire la storia degli ultimi sette mesi della vita di Anna alternando il passato alla ricerca di Kitty, che scopre intorno a sé la realtà dei bambini rifugiati.

Il ricordo di Anna Frank e delle drammatiche ingiustizie subite dagli ebrei si rispecchia così nei problemi di oggi, in cui tanti ragazzi vivono ancora in condizioni precarie e a cui sono negati i diritti fondamentali. Il viaggio di Kitty si trasforma allora in un percorso tra ombre della storia e del presente, in cui però c’è posto per la solidarietà e l’amicizia, grazie anche all’aiuto di Peter, che gestisce un rifugio per profughi.

Il film può essere visto insieme ai ragazzi delle secondaria di primo grado per approfondire la storia dell’Olocausto, ma anche i diritti umani e il problema dei rifugiati e dei migranti. Il sito dedicato aWhere is Anne Frank mette a disposizione materiali didattici elaborati con il patrocinio dell’UNESCO, e interviste al regista e al produttore per analizzare i temi del film dopo la visione.

Autore: Ari Folman

Voto:

5