Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

"Punti di scienza", un podcast per scienziati curiosi

WeScience

Il podcast curato dal Comitato Giovani del festival BergamoScienza offre uno sguardo insolito e divertente su alcuni argomenti scientifici, approfonditi in ogni puntata in un dialogo tra giovani divulgatori.

05 novembre di: Redazione
Recensione

WeScience è un gruppo di giovani divulgatori, o “piccoli scienziati”, che fa parte del Comitato Giovani di BergamoScienza, il festival che ogni ottobre ospita in città conferenze, eventi e laboratori dedicati alle ultime scoperte in vari ambiti scientifici. Quest’anno tra le manifestazioni collaterali curate dai volontari prima, durante e dopo il festival, è stato lanciato anche il podcastPunti di scienza, per parlare da punti di vista insoliti e stimolanti di fisica e biologia, di storia, psicologia e molto altro.

Una “prima stagione” in sette puntate, in cui le voci dei giovani studenti di WeScience accompagnano gli ascoltatori alla scoperta di temi attuali, spiegando ad esempio il legame tra chimica e marketing, nella puntata “Rocce vegane e brand personality”, o le potenzialità del biometano e delle strategie energetiche basate sui rifiuti organici.

Ma si parla anche di difetti evolutivi del nostro corpo, a cui si deve tra le altre cose anche la rottura frequente dei legamenti delle ginocchia; di viaggi nella storia e scoperte incredibili, come quella dello scorbuto che affliggeva i marinai del passato e degli esperimenti per combatterlo a base di limoni e arance; di percezione della luce e dei colori e di letteratura, nella puntata “Omero era daltonico?”

Il podcast si rivolge in particolare ai ragazzi della secondaria di secondo grado, e offre una chiave originale per affrontare e approfondire alcuni argomenti scientifici: spaziando in diversi ambiti e mantenendo sempre uno sguardo curioso e un linguaggio frizzante, le puntate riescono a comunicare in modo efficace anche le nozioni più difficili e a renderle accessibili e stimolanti.

Autore: WeScience

Voto:

4