Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Un viaggio nella preistoria con le "Storie prima della storia"

Stefano Bordiglioni

In questa serie di brevissimi racconti Stefano Bordiglioni ci porta indietro nel tempo, nell'età della pietra, tra invenzioni straordinarie e bambini molto intraprendenti.

23 luglio di: Redazione
Recensione

Non era così facile vivere nell’età della pietra, soprattutto per un bambino: bisognava imparare ad andare a caccia per portare cibo al villaggio, o passare la giornata a raccogliere semi, mettersi in viaggio con la tribù quando arrivava la stagione fredda e ubbidire a genitori, senza perdere tempo a giocare, raccogliere fiori o costruire cose strane e divertenti.

Ma la preistoria che ci racconta Stefano Bordiglioni, accompagnato dalle illustrazioni di Fabiano Fiorin, è anche fatta di invenzioni straordinarie e della magia delle prime volte, quella del primo lupo che si fa amico degli uomini e diventa cane, o quella del primo pezzo di carne di cinghiale cotto a puntino nel grande fuoco del villaggio: è un tempo abitato da stregoni sognatori, mammut innamorati e ragazzi intraprendenti.

Sono infatti spesso i bambini i protagonisti delle più grandi scoperte raccontate in queste pagine, fatte a volte per caso e altre volte grazie loro curiosità e intelligenza: perché davanti alle difficoltà non si perdono d’animo, e anzi si ingegnano a trovare soluzioni che sfidano l’immaginazione degli adulti. Scoperte che a volte sembrano inutili, ma che si rivelano aggiunte fondamentali per la vita di tutti, come può essere una canoa ma anche la musica, e sempre nel rispetto dell’equilibrio della natura.

Il libro, consigliato dai 7 anni, propone in modo brillante e leggero uno sguardo sulla preistoria, facendo riflettere sulle condizioni di vita dei primi gruppi di uomini e sulle invenzioni che le hanno rivoluzionate. Un tempo lontanissimo, ma anche sorprendentemente vicino all’esperienza dei giovani lettori, grazie alle storie di bambini che invitano a essere coraggiosi, generosi e creativi.

Autore: Stefano Bordiglioni

Voto:

4