Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare
Dire, fare, insegnare

Arte, ecosistemi e musica: l'esperienza immersiva della Sonosfera®

La Sonosfera® di Pesaro con i progetti “Frammenti di Estinzione nell’Orologio Climatico” e "Raffaello in Sonosfera®" permette di affrontare l'Educazione ambientale e la storia del'arte attraverso un'esperienza immersiva di suoni e immagini.

Un giorno al museo 
30 marzo di: Redazione
copertina

I Musei Civici di Pesaro permettono ai visitatori e alle scuole di fare un’esperienza sonora immersiva che mescola arte, scienze e tecnologia grazie alla Sonosfera®: un ambiente unico e acusticamente perfetto, un anfiteatro con 45 altoparlanti in grado di riprodurre un paesaggio sonoro tridimensionale con un’altissima definizione audio, corredato da una corona sferica per la proiezione di immagini a 360°.

La Sonosfera®, inaugurata nel 2020 alla presenza del presidente del Parlamento Europeo David Sassoli come parte del programma Pesaro Città Creativa Unesco della Musica, è nata per il progetto interdisciplinare "Fragments of Extinction – Il Patrimonio Sonoro degli Ecosistemi", ideato dal professore del Conservatorio Rossini David Monacchi. Nella versione aggiornata del programma, “Frammenti di Estinzione nell’Orologio Climatico”, i partecipanti seduti nella doppia cavea della Sonosfera® possono sperimentare l’ascolto profondo dei paesaggi sonori delle foreste primarie equatoriali, registrati da Monacchi durante le spedizioni in Amazzonia, Africa e Borneo.

Un incontro tra ecosistemi, musica e immagini checostituisce uno straordinario strumento di divulgazione scientifica ed educazione ambientale, selezionato e patrocinato all’interno degli eventi All4Climate-Italy 2021 e corredato da una serie inedita di dati scientifici aggiornati sui mutamenti della biosfera.



Da gennaio è inoltre possibile visitare un nuovo programma dedicato a Raffaello in occasione del quinto centenario della morte dell’artista. "Raffaello in Sonosfera®" è un’opera di innovazione linguistica digitale studiata per raccontare il pittore attraverso il suono tridimensionale e la visione del ciclo di affreschi della Stanza della Segnatura dei Musei Vaticani, intermente ricostruita sul grande spazio di proiezione.

David Monacchi e Simone Sorini, coadiuvati da un team di musicisti e artisti digitali che hanno scandagliato e ricomposto nei minimi dettagli gli affreschi La Disputa del Sacramento e La Scuola di Atene grazie alle immagini ad altissima risoluzione fornite dai Musei Vaticani, propongono un’esperienza sensoriale e cognitiva condivisa che invita a vivere la storia dell’arte in una chiave completamente inedita, quella sonora.

Il sistema di altoparlanti crea un campo acustico seguendo la decifrazione musicale dei livelli simbolici negli affreschi. In primo luogo, il suono degli strumenti musicali dipinti, come la lira di Orfeo, la cetra romana e il flauto arcaico, e quello degli elementi naturali; ma anche la riproduzione dell’ambientazione attraverso l’acustica architettonica di una messa di Josquin Desprez (coeva agli affreschi), un sonetto dello stesso Raffaello e composizioni di musica elettronica che prendono spunto dalle raffigurazioni geometrico/matematiche trovate negli affreschi.

Photo credits: © Alex d'Emilia; foto di copertina: © Luigi Angelucci